L'allattamento prolungato al seno: perché viene spesso osteggiato?


Il latte materno: il bagaglio nutritivo ed emozionale migliore che possiamo offrire.

Perchè soprattutto le stesse donne non sostengono le madri che allattano a lungo?
Perchè soprattutto le stesse donne non sostengono le madri che allattano a lungo?

Sempre più mamme cercano di allattare il più possibile i figli, spingendosi oltre l'anno di suzione: questa è una grande vittoria e segna un ritorno alle origini dell'essere donna-madre ed una rottura verso i tempi dettati dal rientro al lavoro o da tempistiche definite.

Allattare al seno, anche in maniera non esclusiva ( dopo il sesto mese), contribuisce infatti a regalare al bambino un imprinting basato sul sentirsi avvolto, amato, protetto, ascoltato, inglobato, oltre ovviamente ad apportare benefici dal punto di vista nutrizionale al bebè e salutari alla donna, come ad esempio una minore incidenza di tumore al seno.

 

A differenza degli anni passati, in cui molte madri interrompevano precocemente l'allattamento al seno preferendo l'integrazione con il latte artificiale ( la famosa "aggiunta" spesse volte indicata in dimissione ospedaliera o comunque su consiglio medico, che ovviamente si trasformava in passaggio precoce dal seno al biberon ) oppure svezzando prima del compimento del sesto mese di vita del neonato, oggigiorno, complice anche la crisi lavorativa, stiamo assistendo a positive tendenze che spingono le mamme ad accudire personalmente ed in prima linea i figli, accudendoli come mai si era verificato nell'era moderna, utilizzando una grande delicatezza emotiva e psicologica

Inoltre grazie allo scambio di informazioni su internet, ai tanti libri sull'argomento ed ai punti latte di sostegno all'allattamento ( esempio i consultori ) le donne sono molto informate e prendono decisioni in piena consapevolezza, senza dipendere più dai consigli altrui o da modus operandi.

 

Sosteniamo le mamme che allattano!

Una donna che allatta, con grande trasporto e convinzione, dovrebbe essere sempre appoggiata e sostenuta, soprattutto in famiglia ed avere la possibilità di proseguire ascoltando il proprio corpo ed i segnali che lanciano i cuccioli: la suzione andrebbe interrotta solo quando anche la madre è pronta a farlo, quando inizia a sentirsi stanca, quando la notte porge il seno ma lo ritrae il prima possibile e quando capisce che per il figlio sarà un passaggio duro, ma di crescita  e non di distacco, non di trauma. ( vedi art. correlato: "Come togliere la tetta")

 

Non appena passato il primo anno di suzione molte mamme testimoniano di non sentire attorno a se una rete di supporto e di ammirazione ma bensì tante voci che consigliano di smettere: ormai il bambino è grande, non è più il caso, tecca cacca, tetta brutta, basta tetta.... La cosa più preoccupante è che quelle voci sono quasi tutte femminili! Come è possibile?

  

Le espressioni che spesso si raccolgono, di fronte ad un bambino di un anno ed oltre che viene allattato, sono " mi fa senso", " che schifo", "ridicolo", " ma allatti ancora?", "la madre è malata", "la madre vuole tenere il figlio tutto per sé", "la madre è possessiva", ecc....

 

Sarebbe interessante eseguire una indagine socioculturale sul tema. Ad ogni modo è difficile comprendere fino in fondo le vere emozioni che scaturiscono, soprattutto dalle donne, al riguardo.

E' un qualcosa di istintivo, collegato alla corretta sopravvivenza della specie, oppure è un qualcosa di morale? Non appena ne avrò occasione, volentieri porgerò il quesito ad un esperto in materia, che sicuramente ci saprà dare una motivazione logica e vi aggiornerò.

Il momento unico dell'allattamento al seno
Il momento unico dell'allattamento al seno

Per il momento, vi rassicuro sul fatto che tutte le posizioni autorevoli, tra cui quella ufficiale pubblicata il  18 Marzo 2014 dal Ministero della Salute Italiano, afferma che:

 

" Contrariamente a quanto sostiene la ricerca scientifica e contrariamente alle più aggiornate health policy, vengono purtroppo ancora creati allarmismi su presunte e non  provate conseguenze negative dell'allattamento di lunga durata.

 

L'Organizzazione Mondiale della Sanità, il Ministero della Salute e le società scientifiche pediatriche raccomandano l'allattamento al seno, norma naturale di nutrizione ed interazione fra madre e bambino all'interno della famiglia, con modalità esclusiva per 6 mesi ed in seguito, una volta introdotti nella dieta del bambino gli alimenti diversi dal latte materno, fino al secondo anno di vita ed oltre."

 

Care mamme allattatrici ad oltranza, allattate e proteggete questo gesto da interventi estranei ed infondati, seguite solo il vostro corpo ed il vostro cuore e fermatevi quando sentirete arrivato il momento giusto per questo passaggio cruciale, difficile per il bambino ma difficilissimo per la donna che lo ama allattare.

Se potete, createvi attorno una rete solidale di altre neo-mamme e diffondete questo nuovo concetto dell'allattare, che va oltre il semplice bisogno nutrizionale e che sfocia nella mente, dei ricordi più profondi, nel cuore dei nostri bambini.

W la tetta!!

 

A presto da Curaben!

 

www.curaben.it

www.facebook.com/curaben

 

Se questo articolo ti è stato utile condividilo, aiuterai altre mamme ed altri papà!

 


Scrivi commento

Commenti: 2
  • #1

    Nadia (sabato, 26 settembre 2015 16:26)

    La penso esattamente come te, ti seguo da fb. Tutta invidia per non aver allattato a lungo quando toccava a loro!

  • #2

    Curaben (domenica, 04 ottobre 2015 16:03)

    Cara Nadia, scusa il ritardo nella risposta! Grazie per essere nostra amica di facebook innanzitutto e grazie della tua testimonianza. Chi non ama allattare e chi non ha avuto il dono di poterlo fare difficilmente può capire il disagio nel dovere smettere di farlo. Parlare dei propri sentimenti aiuta a far capire agli altri le proprie idee, in modo empatico. Provare non costa nulla, il mio consiglio rimane quello di seguire il proprio cuore ed istinto: le dicerie, le mode, il "così si faceva", "così fan tutte"....sono solo parole. Lascia parlare la gente e non ti crucciare, riserva le tue energie positive al tuo cucciolo! Baci da Elda- Curaben!

Segui Curaben su facebook!
Curaben logo

Curaben

Sede Legale ed Amministrativa:

Via Monte Rosa 1, 10091, Alpignano (TO)

Telefono: 011/19116092 - Fax: 011/0441770

P.IVA: 11415930012 - REA: TO-1211567

info@curaben.it

Laboratorio di Produzione:

Ma.Er. Via Verdi 42/44 - Livorno (ITALY)

CURABEN E' VERIFICATA PAYPAL.

I TUOI ACQUISTI SONO PROTETTI AL 100%