Eritema solare nei bambini: come dare sollievo alla loro pelle delicata


E' importante esporre i bambini alla luce solare ma occorrono precauzioni per non scottare la loro pelle.

Via libera ai bagni di sole, con le giuste precauzioni.
Via libera ai bagni di sole, con le giuste precauzioni.

Cari genitori, oggi affrontiamo il tema delle scottature solari nei bambini. La bella stagione è finalmente arrivata ed è importante far esporre i bambini alla luce solare dopo la lunga pausa invernale. La luce del sole è importantissima perché favorisce la sintesi della vitamina D, una vitamina essenziale che per il 20% deriva dall'apporto nutrizionale ( pesci grassi esempio il salmone, olio di fegato di merluzzo, noci, tuorlo d'uovo ) e per l'80% dalla sintesi cutanea!! E' quindi fondamentale esporre i propri bambini ( e noi tutti ) al sole.

 

i consigli per evitare l'insorgenza di scottatura solare:

I consigli per evitare di incorrere in fastidiose e dolorose scottature solari sono molto semplici, basta fondamentalmente agire con un minimo di buon senso e rispettare poche regole:

  1. nella stagione estiva, in previsione di una esposizione solare prolungata - anche la gita al parco, i giochi al giardinetto, non solo la vacanza al mare per intenderci - occorre applicare una protezione solare ai bambini 50+;
  2. scegliere una protezione solare pratica, ovvero che abbia una asciugatura rapida, e che vanti filtri sia fisici che chimici, in modo da lavorare in sinergia come barriera;
  3. se si va al mare, scegliere sempre una protezione waterproof;
  4. scegliere una protezione solare specifica per i bambini, che sia dermatologicamente testata e che non contenga possibilmente profumi ( fotosensibili), alcohol, parabeni e petrolati;
  5. riparare la testa del bambino con un cappellino o una bandana;
  6. non esporre i genitali, soprattutto dei maschietti, al sole diretto perché facilmente scottabili;
  7. mettere una maglietta larga, una canotta sempre a protezione;
  8. NON esporre il bambino al sole nelle ore più calde della giornata, anche per evitare colpi di calore;
  9. dare sempre la possibilità al bambino di ripararsi sotto l'ombra di un ombrellone o strutture similari.

cosa fare se il bambino si e' scottato e compare l'eritema?

I tre gradi di ustioni da calore
I tre gradi di ustioni da calore

Se nonostante tutte le precauzioni il bambino si è scottato, vediamo insieme quali accorgimenti usare per dare il più possibile sollievo.

 

IMPORTANTE: Se il bambino ha una ustione di secondo e terzo grado e/o manifesta nausea, sonnolenza, vomito, diarrea, confusione mentale, recarsi immediatamente al pronto soccorso o dal pediatra di riferimento.

 

Noi affrontiamo solo l'eritema di primo grado, ovvero il caso più comune e semplice che, a grandi linee, non richiede l'intervento medico. ( se il bambino riporta febbre, nausea, sonnolenza, vomita, diarrea, confusione, contattare sempre il pediatra). Cosa fare per aiutare il bambino?

 

  1. Ritirare il bambino dall'esposizione al sole e nei giorni a seguire non esporre più la parte colpita ( proteggerla con una maglietta, bendatura) e se possibile evitare nuove esposizioni per evitare ustioni più serie. La scottatura solare provoca dolore se viene sollecitata con altro calore/esposizioni;
  2. Effettuare spugnature con acqua fredda e non effettuare docce calde nei giorni a seguire ma a temperatura ambiente;
  3. Applicare una crema grassa o una pomata che vada a ripristinare il film idrolipidico cutaneo danneggiato, che sia decongestionante e lenitiva. Dato che parliamo di bambini, sarebbe opportuno che la pomata si assorbisse subito per evitare che possa essere ingerita o passata sugli occhi involontariamente;
  4. Nei giorni a seguire la pelle tenderà a seccarsi e a spelare: evitare che il bambino strappi la pelle, uno per evitare eventuali infezioni dovute alle manine non sempre pulite e due per non irritare ulteriormente la parte colpita;
  5. Se compaiono bollicine e vesciche contenenti liquido, NON bucarle per evitare che si possano infettare. Se il liquido contenuto da fastidio a causa della pressione provocata, recarsi dal medico per farle bucare in modalità sterile;
  6. Evitare che l'area scottata venga esposta nuovamente al sole anche per evitare il formarsi di potenziali macchie scure/cheratosi da cicatrizzazione;
  7. NON applicare colonie, profumi, creme non specifiche sulla parte ( esempio: il comune doposole non è indicato in caso di scottatura da eritema), soprattutto in caso di cute lesa;
  8. Idratare tanto il bambino, porgendo acqua e succhi di frutta senza zuccheri aggiunti a volontà!

 

 

Proteggere la pelle dei nostri figli piccoli li preserva da cattive abitudini e dal melanoma.
Proteggere la pelle dei nostri figli piccoli li preserva da cattive abitudini e dal melanoma.

Proteggere la pelle dei nostri piccolini è una buona abitudine che i bambini interiorizzano e conservano nel loro bagaglio emotivo e culturale: un bambino che fin da piccolo è stato abituato a proteggere la sua pelle durante l'esposizione solare ha alte probabilità di mantenere anche in età adulta questa buona abitudine e di trasmetterla a sua volta ai suoi figli. Proteggere la pelle dei nostri bambini è segno di civiltà e li preserva da malattie cutanee tra cui il melanoma.

 

Un grande abbraccio!

 

www.curaben.it

Scrivi commento

Commenti: 0
Segui Curaben su facebook!
Curaben logo

Curaben

Sede Legale ed Amministrativa:

Via Monte Rosa 1, 10091, Alpignano (TO)

Telefono: 011/19116092 - Fax: 011/0441770

P.IVA: 11415930012 - REA: TO-1211567

info@curaben.it

Laboratorio di Produzione:

Ma.Er. Via Verdi 42/44 - Livorno (ITALY)

CURABEN E' VERIFICATA PAYPAL.

I TUOI ACQUISTI SONO PROTETTI AL 100%