Come prevenire il classico nasino rosso da raffreddore nei bambini.


Il nasino che cola può creare pelle irritata ed arrossata.
Il nasino che cola può creare pelle irritata ed arrossata.

Come evitare la tipica irritazione dei bambini sotto il nasino causata dal raffreddore.

Cari genitori, l'autunno è arrivato: ci aspettano mesi in cui dovremo aiutare i nostri bambini a gestire i raffreddori ed i malesseri dovuti alla stagione fredda o variabile.

 

La pelle dei bambini è 5 volte più sottile rispetto a quella di un adulto, è delicata, fragile e necessita di attenzioni in più e premure, soprattutto in previsione di lunghi periodi di stress da sfregamenti.

 

I bambini piccoli non sanno soffiarsi il naso, è compito dei genitori insegnare loro questo gesto, assolutamente non scontato e banale. Se, in caso di neonati, la pulizia del nasino è abbastanza facile grazie all'ausilio di pompette aspira muco e di lavaggi con acqua fisiologica e/o salina, lo stesso non si può dire dei bambini piccoli, che di norma scappano non appena hanno la possibilità di farlo, di fronte a questi "strumenti di pulizia".

 

come si può insegnare ad un bambino piccolo a soffiarsi il nasino?

Con il gioco ovviamente! Magari prendendo una pallina, giocando a spostarla con la sola forza del soffio dalle narici e ricordando al bimbo il "gioco della pallina" quando sarà giunto il momento del raffreddore.

Oppure svolgendo lo stesso giochino ma con delle striscioline di carta leggere, divertendosi a sposarle con il solo soffio dal naso. Movimenti semplici che però rimangono impressi nella mente dei bambini e che, al momento utile, si possono rievocare spiegando l'utilità del fazzoletto.

Pelle irritata, naso che spela, visino arrossato: bambini e raffreddore.

Il gesto tipico dei bambini nel pulirsi il nasino: srofinarsi con la mano e tirare lateralmente.
Il gesto tipico dei bambini nel pulirsi il nasino: srofinarsi con la mano e tirare lateralmente.
Il gesto tipico ed istintivo dei bambini è quello di portare via il muco che esce dal naso e crea prurito e fastidio con la manina, trascinandola di lato. Questo gesto, ha come risultato il portare sulla guancia il muco e di formare un sottile strato di materiale sulla pelle che può arrossarsi.

La zona compresa tra il labbro superiore e le narici rimane umida e la congestione non trova sollievo.

 

 

I bambini più grandi possono soffiarsi il naso con troppa enfasi o con movimenti bruschi.
I bambini più grandi possono soffiarsi il naso con troppa enfasi o con movimenti bruschi.

I bimbi più grandi, che hanno preso dimestichezza con il gesto del soffiare e con l'uso del fazzoletto, possono soffiarsi il naso con troppa enfasi o con gesti ripetuti che irritano le mucose e creano micro traumi alla pelle.

i consigli per evitare il "nasino rosso" da raffreddore.

Cari genitori, come evitare il classico nasino rosso da raffreddore? Come prevenire le guance arrossate dal muco, le tipiche spelature e le screpolature nell'area attorno alla bocca ed al naso?

  1. Applicare con costanza una pomata lenitiva, delicata, senza alcol, sul nasino e sulle aree esposte al muco o agli strofinamenti. Elasticizzare, lenire e proteggere la pelle è un gesto davvero utile che previene e/o contiene di molto l'insorgenza di queste fastidiose irritazioni;
  2. Utilizzare fazzoletti morbidi, in tessuto liscio, magari arricchite da lozioni idratanti ed addolcenti e cambiarlo spesso, nel caso si utilizzino fazzoletti in cotone lavabili;
  3. Insegnare ai bambini a soffiare dolcemente e con continuità il naso, cercando di evitare i soffi forti e troppo enfatici ma una emissione più continua e trattenuta, per evitare di irritare le mucose ulteriormente;
  4. Pulire con costanza il muco residuo dal viso dei bambini, evitare di farlo seccare ed evitare la formazione di crosticine, soprattuto nella zona adiacente le narici dato che possono essere molto fasidiose da eliminare una volta indurite;
  5. Bagnetti caldi che favoriscono l'apertura e lo scorrimento nasale;
  6. Deumidificare gli ambienti;
  7. Favorire la respirazione con unguenti naturali non a base di canfora o di oli naturali non adatti ai bambini al di sotto dei 3 anni ( pino, abete....) e che siano specifici per i bambini;
  8. Appoggiare un panno caldo umido sul nasino all'altezza dei seni paranasali per "aprire" il nasino e decongestionare;
  9. Bere tanti liquidi, fondamentali sia per fluidificare il muco sia per reidratare il bambino.

Un grande saluto da Curaben!

 

www.curaben.it

hai apprezzato questo articolo? scopri anche la nostra linea di cosmesi naturale:

Chi ha letto questo articolo ha letto anche:

Scrivi commento

Commenti: 0
Segui Curaben su facebook!
Curaben logo

Curaben

Sede Legale ed Amministrativa:

Via Monte Rosa 1, 10091, Alpignano (TO)

Telefono: 011/19116092 - Fax: 011/0441770

P.IVA: 11415930012 - REA: TO-1211567

info@curaben.it

Laboratorio di Produzione:

Ma.Er. Via Verdi 42/44 - Livorno (ITALY)

Vieni a conoscerci di persona il 10 Giugno a Torino, Arsenale della Pace, Stand Curaben!
Vieni a conoscerci di persona il 10 Giugno a Torino, Arsenale della Pace, Stand Curaben!
metodi pagamento e-commerce curaben