Piccole ustioni nei bambini: come affrontare le bruciature.


Come affrontare le piccole bruciature dei bambini e come evitarle.

Cari genitori, oggi affrontiamo il tema delle piccole bruciature domestiche e non dei nostri bambini: come affrontarle? Come evitarne il rischio?

 

Ogni anno, solo in Italia, 50.000 persone subiscono una bruciatura domestica: le ustioni sono dunque un problema molto insidioso e molto frequente. Capiamo dapprima come differenziarne l'urgenza, la classificazione ed infine conosciamo meglio le regole per evitare i rischi, soprattutto nei bambini.

Come si classificano le scottature?

I tre tipi di ustioni: come classificare le bruciature.
I tre tipi di ustioni: come classificare le bruciature.

 

Le bruciature vengono classificate in base ai seguenti 3 elementi:

  1. Profondità dell'ustione;
  2. Estensione dell'ustione;
  3. Localizzazione della lesione.

e possono distinguersi in:

  • USTIONE DI PRIMO GRADO: è coinvolta solo l'epidermide, ovvero lo strato più superficiale della pelle;
  • USTIONE DI SECONDO GRADO: è coinvolto anche il derma;
  • USTIONE DI TERZO GRADO: sono coinvolti i tessuti più profondi, in alcuni casi viene raggiunto l'osso.

ustione di primo grado:

La pelle è arrossata, scotta, fa un po' male toccandola e schiarisce facendole pressione.

Quando la parte è circoscritta occorre metterla subito sotto l'acqua corrente per 2-3 minuti, oppure tamponarla con un panno pulito in cotone bagnato.

Per contrastare il dolore si può utilizzare una pomata antistaminica o cortisonica, da utilizzare 1 o 2 volte nel corso delle prime 48 ore per poi passare ad una pomata lenitiva.

Nell'arco di una settimana il problema è risolto. 

ustione di secondo grado:

L'ustione è più dolorosa e nell'arco di circa due ore, compare una bolla piena di liquido che va forata con un ago sterile. Consultare il pediatra e se la zona colpita fosse ampia oppure delicata ( esempio viso) far seguire questa operazione dal medico.

A seguire, si applica sulla parte una garza "grassa", ovvero impregnata di sostanze che evitano che la garza possa aderire alla pelle. Si copre la garza grassa con una seconda normale e si avvolge con una rete elastica.

In circa due settimane, se la ferita non è molto profonda, la ferita guarisce. In alcuni casi potrebbero rimanere dei segni sulla pelle.

 

ustione di terzo grado:

Se la bruciatura è estesa, oppure se la pelle appare nera, scura, dura ed insensibile, occorre recarsi in pronto soccorso o chiamare il 118.

Le regole per evitare i rischi in casa.

Più di due terzi delle ustioni avviene tra le mura domestiche: come evitarle?
Più di due terzi delle ustioni avviene tra le mura domestiche: come evitarle?

Più di due terzi delle ustioni dei bambini ( e degli adulti ) avviene tra le mura domestiche: come si possono minimizzare i rischi, soprattutto per i più piccoli?

  1. In cucina, usare i fornelli posteriori;
  2. Non lasciare le pentole incustodite sul fuoco;
  3. Girare i manici verso l'interno;
  4. Regolare i miscelatori a non più di 40 gradi;
  5. Proteggere le prese di casa con gli appositi chiudi presa in plastica;
  6. Posizionare le stufe lontane dal passaggio dei bambini;
  7. Possibilmente non usare il caminetto in presenza di bambini al di sotto dei tre anni di età;
  8. In estate, proteggere sempre la pelle dei bambini, anche se giocano nel giardino o nel cortile domestico.

 

Un abbraccio da Curaben!

 

www.curaben.it

Scrivi commento

Commenti: 0
Segui Curaben su facebook!
Curaben logo

Curaben

Sede Legale ed Amministrativa:

Via Monte Rosa 1, 10091, Alpignano (TO)

Telefono: 011/19116092 - Fax: 011/0441770

P.IVA: 11415930012 - REA: TO-1211567

info@curaben.it

Laboratorio di Produzione:

Ma.Er. Via Verdi 42/44 - Livorno (ITALY)

Vieni a conoscerci di persona il 10 Giugno a Torino, Arsenale della Pace, Stand Curaben!
Vieni a conoscerci di persona il 10 Giugno a Torino, Arsenale della Pace, Stand Curaben!
metodi pagamento e-commerce curaben